La ballata del giorno dopo

su Nadàr Solo – La ballata del giorno dopo

Risveglio con il ronzio del nervosismo di fondo
nelle orecchie
ingigantito dall’elettricità che solleva
le palpebre
il rosso nelle vene e sotto al viso
gli zigomi da esplorare coi polpastrelli

Lo stesso disco che gira
per la terza volta nelle pareti
di un’auto parcheggiata nel nulla
e il nulla sembra davvero
quello che inghiotte il rumore di baci
e fame
e morsi
e felpe abbandonate

scoprendosi vivi
in una frattura del meccanismo delle cose.

 

IMG_4741